EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Facebook e l’open hardware

0

Facebook ha rilasciato la prima piattaforma modulare di dispositivi di rete ad alte prestazioni di tipo open hardware – ovvero in cui il progetto della circuiteria elettronica è liberamente utilizzabile da chi sia interessato a duplicarlo, in modo analogo a quanto succede con l’open source.

Si tratta di un switch ad altissima capacità, che stando a quanto affermato dai tecnici del social network, è in grado di crescere facilmente fino a raggiungere velocità oggi considerate appannaggio solo dei produttori top, come Cisco e Juniper, e destinato a stravolgere la logica di implementazione dei data center, le grandi batterie di server utilizzate nel mondo per gestire la impressionante mole di dati che la nostra società produce costantemente. Il tutto è realizzato assemblando componentistica standard ed utilizzando software anch’esso rilasciato in open source.

Per chi fosse interessato è possibile consultare due documenti (qui e qui) che descrivono dettagliatamente i principi di base. Non sono, peraltro, progetti futuribili, o in corso di realizzazione, ma fotografano lo stato dell’arte dell’ultimo data center di Facebook, quello di Atloona, inaugurato alla fine dello scorso anno ed in cui è stata implementata la nuova infrastruttura – che gli ingegneri della casa di Cambridge definiscono data center fabric.
Lo scopo è quello di avere ridurre la dipendenza da sistemi proprietari, avere maggiore flessibilità e minore presenza di personale umano, tutti elementi che si traducono in una drastica riduzione di costi.

L’aver rilasciato i frutti del loro lavoro nell’ambito dell’Open Compute Project non solo consentirà di diffondere le tecnologie impiegate, ma è probabilmente destinato ad avere nel futuro un impatto significativo sul mondo del networking.

La fotografia dello switch, chiamato 6-pack, è di Facebook.

Condividi:

L'autore

Consulente Informatico, blogger, problem solver, radioamatore. Ho iniziato la mia attività nel 1977 sviluppando sistemi di calcolo nell'area energie alternative e rinnovabili e da allora mi sono sempre interressato delle frontiere della tecnologia. Nel 1984 sono stato fra i pionieri delle BBS, i primi servizi telematici pubblici, e l'anno successivo ho portato in Italia Fidonet, la prima rete pubblica mondiale, che ho coordinato sino al 1994. Sono attivamente su Internet agli inizi degli anni 90, Nel 1998 sono stato fra i primi a credere nella convergenza digitale, arricchendo internet con materiale multimediale, come audio e video, anni prima del Web 2.0. Continuo da sempre ad occuparmi di informatica e di tecnologia con un occhio attento al futuro che ci attende. Continuo a lavorare come consulente informatico, con una specifica competenza in sicurezza, reti di comunicazione, sistemi operativi e tecnologie di virtualizzazione.

Lascia un commento