EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Un giro su Vesta

0

Ricordate la missione Dawn (alba)  della Nasa ? Poco più di un mese or sono balzò agli onori della cronaca per la scoperta di due misteriose sorgenti luminose all’interno un cratere da 90 km sul pianeta nano Cerere, durante la fase finale di avvicinamento al corpo celeste a cui si apprestava ad entrare in orbita.

L’evento è avvenuto, come programmato, il 6 Marzo, e la sonda ha ora iniziato un lento movimento a spirale per avvicinarsi alla superficie di Cerere. A metà marzo l’orbita era ancora di 75000 km, ma il 23 aprile la sonda raggiungerà l’altezza finale di 13500 km ed entrerà nella fase di osservazione denominata RC3.

Il controllo di Dawn è affidato ad un sistema di propulsione molto particolare, un motore a ioni, che anziché bruciare combustibile sfrutta l’emissione di ioni di xeno. E’ una tecnologia che non necessità di grandi quantità di propellente: dawn, infatti, consuma solo 120gr di xeno al giorno. Allo stesso tempo è in grado di produrre accelerazioni molto lente: per passare da 0 a 100km/h Dawn, infatti, impiega ben 4 giorni.

Durante i periodi di accensione i sistemi radio della sonda sono spenti per economizzare energia elettrica, necessaria al funzionamento del sistema di propulsione. Dovremo quindi attendere ancora qualche settimana per sapere se le famose luci sono segni di attività vulcanica o le luci di posizione di una installazione aliena.

La fase esplorativa di Cerere durerà comunque ben 16 mesi, avremo quindi la possibilità di conoscere a fondo questo oggetto, scoperto il 1 gennaio 1801 da Giuseppe Piazzi, e che è passato dal ruolo di stella della prima osservazione a quello di pianeta, poi asteroide per essere infine riclassificato come pianeta nano nel 2006.

Nel frattempo la Nasa ha rilasciato una interessante applicazione web, denominata Vesta Trek, che consente di effettuare una esplorazione interattiva dell’asteroide Vesta, che è stato oggetto dell’attenzione di Dawn dal 2011 al 2012.  Nelle intenzioni dell’ente astronautico americano il tool è finalizzato a consentire l’esplorazione di Vesta da parte dei Citizen Scientists: un concetto – quello della scienza dei cittadini – che nel nostro paese è del tutto sconosciuto.

vestatrek

Per tutte le informazioni sulla missione Dawn c’è il sito del Jet Propulsion Laboratory di Pasadena consultabile qui.

La foto del titolo è della Nasa

Condividi:

L'autore

Consulente Informatico, blogger, problem solver, radioamatore. Ho iniziato la mia attività nel 1977 sviluppando sistemi di calcolo nell'area energie alternative e rinnovabili e da allora mi sono sempre interressato delle frontiere della tecnologia. Nel 1984 sono stato fra i pionieri delle BBS, i primi servizi telematici pubblici, e l'anno successivo ho portato in Italia Fidonet, la prima rete pubblica mondiale, che ho coordinato sino al 1994. Sono attivamente su Internet agli inizi degli anni 90, Nel 1998 sono stato fra i primi a credere nella convergenza digitale, arricchendo internet con materiale multimediale, come audio e video, anni prima del Web 2.0. Continuo da sempre ad occuparmi di informatica e di tecnologia con un occhio attento al futuro che ci attende. Continuo a lavorare come consulente informatico, con una specifica competenza in sicurezza, reti di comunicazione, sistemi operativi e tecnologie di virtualizzazione.

Lascia un commento