EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Problemi con l’ADSL?

31

La foto del titolo è di Ben, le illustrazioni mie e di Wikipedia.

Vi è capitato di avere problemi con l’ADSL?

Stando alle domande che mi ponete, pare proprio che sia un avvenimento abbastanza frequente e, vista la diffusione del servizio, è una cosa anche abbastanza comprensibile. Risolverli, però, spesso non è facile, sia per una certa complessità di fondo, sia per una leggerezza, oramai quasi generalizzata, da parte dei servizi di assistenza dei gestori, che se sono obbligati ad intervenire nei casi di disservizio totale, spesso glissano sui problemi di instabilità.

Ma come funziona l’Adsl? Delle varie tecnologie progettate per portare la connettività internet nelle case è quella che ha avuto la maggiore diffusione perché consente di utilizzare le infrastrutture telefoniche preesistenti. Sfruttando un metodo già usato in passato per la filodiffusione, nella linea telefonica viene iniettato un segnale ad alta frequenza, che viaggia sul cavo assieme al segnale voce, caratterizzato da frequenze molto più basse. Giunti sullo stesso cavo nell’abitazione dell’utente, i due segnali devono essere gestiti separatamente: la configurazione ideale prevede l’uso di un filtro di separazione, chiamato splitter, che divide fisicamente i due circuiti. Nella pratica quotidiana, invece, si opera più frequentemente collegando dei filtri di isolamento ad ogni dispositivo (telefono, fax, allarme, etc) collegato alla linea telefonica. Contengono un semplice circuito che consente il passaggio delle sole (basse) frequenze usate dalla fonia, mentre bloccano del tutto il segnale adsl, che potrebbe essere fortemente deteriorato dai circuiti dei telefoni. Per il buon funzionamento della connessione adsl è quindi indispensabile che ogni apparato connesso alla linea telefonica sia collegato per mezzo di un un filtro di buona qualità.

adsl2

Il modem (o, ovviamente, un router-modem) non ha invece bisogno di filtri, in quanto è già progettato in modo da essere del tutto trasparente alle frequenze usate della voce.

In effetti la qualità della connessione dipende dall’efficienza dell’intera catena che trasferisce i segnali fra il nostro modem ed il Dslam, l’apparecchiatura che in centrale inietta il segnale adsl sul cavo telefonico. Dato che i segnali DSL viaggiano a frequenze molto elevate, è possibile che possano essere compromessi anche da uno solo dei componenti di questa catena: a volte è sufficiente anche solo una giunzione non perfetta per avere problemi rilevanti. In effetti le frequenze dell’ADSL si spingono sino alle onde medie (1.1MHz per l’ADSL1, 2.2MHz per l’ADSL2), la VDSL – la tecnologia emergente, che è spesso pubblicizzata come fibra – addirittura a 12MHz, in piene onde corte.
Durante il tragitto lungo la linea telefonica il segnale subisce una attenuazione fisiologica: in altre parole perde forza, diventando progressivamente più debole. La tecnologia DSL tiene in debito conto questo elemento, ed è pensata per potere distribuire il segnale entro un raggio di alcuni chilometri dalla centrale telefonica. E’ però normale che man mano che ci si allontana le prestazioni ottenibili diminuiscano progressivamente.

ADSL3

In questo grafico è visualizzato le massime prestazioni delle varie tecnologie in relazione all’attenuazione della linea, misurata in decibel (dB). In media un cavo telefonico ha una attenuazione di circa 13 dB per chilometro, per cui dal valore di attenuazione è possibile risalire con una certa approssimazione alla lunghezza della linea. In effetti la qualità effettiva del cavo influenza largamente questo parametro: cavi molto vecchi hanno prestazioni inferiori, mentre negli ultimi anni sono stati realizzate nuove tipologie di cavo telefonico, che presentano una minore attenuazione nel trasporto del segnale DSL.

L’attenuazione è quindi il valore determinante per capire la qualità della propria connessione e quale è la velocità massima che è in grado di erogare. E’ un valore molto semplice da conoscere, visto che la stragrande maggioranza dei modem e dei modem/router sono in grado di fornire informazioni molto dettagliate sullo stato della connessione, che comprendono anche il valore rilevato ‘lato utente’. Ad esempio, i prodotti Tp-link, molto diffusi, riportano questi dati nella voce statistiche xDsl: è sufficiente quindi collegarsi al router ed accedere alla tabella.

adsl4

La voce che ci interessa è quella evidenziata con lo sfondo giallo. L’attenuazione, in questo caso reale, è di circa 23 dB, un valore che corrisponde ad una distanza stimata di 1.7km ed una velocità massima ottenibile di poco più di 20Mbps. Il firmware Tp-Link indica direttamente la velocità massima ottenibile con le condizioni di linea (la riga attainable rate), ma qualora questa indicazione non fosse presente è facile consultare la tabella precedente e farci una idea concreta di quali siano le prestazioni massime che la nostra linea è in grado di fornire quando tutto funziona correttamente.

Per capire come effettivamente si comporta c’è un secondo valore da verificare: il margine sul rumore (SNR margin, o noise margin). Questo dato indica, in soldoni, la qualità del segnale adsl che arriva al nostro modem. Più alto è questo valore, migliore e meno problematica sarà la connessione. Nel nostro caso reale, il valore rilevato è di poco inferiore ai 20dB, un risultato molto buono. In effetti dobbiamo iniziare a preoccuparci quando questo valore scende sotto i 10dB, mentre il valore limite, sotto il quale possono cominciare a manifestarsi problemi seri, è intorno ai 6dB.
Questi parametri non sono stabili e fissi, ed è del tutto normale che oscillino, sia pure di poco, nel tempo. E’ il motivo per cui solitamente la pagina contenente questi valori si aggiorna di continuo, consentendo di seguirne l’andamento. Aggiungo che conoscere i valori tipici della linea in condizioni di corretto funzionamento, rilevandoli ed annotandoli, ci può aiutare a comprendere meglio eventuali malfunzionamenti che dovessero verificarsi nel tempo.
Di per contro, una forte oscillazione di questo valore è spesso indice di problemi seri, specie se le oscillazioni sono veloci.

Sappiamo ora quali sono i due valori importanti da tenere sotto controllo per capire come si comporta la nostra connessione. Cosa dobbiamo fare per determinare se il problema è in qualche elemento della catena sotto il nostro controllo, oppure se è un guasto di responsabilità del gestore?

Nei limiti del possibile il primo tentativo da fare sarebbe quello di provare con un diverso modem. Si tratta, infatti, di dispositivi elettronici che sia possono degradare con l’uso, ma anche presentare malfunzionamenti improvvisi.
Se questo tentativo è infruttuoso, o si è impossibilitati a farlo, la prova successiva consiste nello staccare temporaneamente tutti gli apparecchi connessi alle linee telefoniche, con i relativi filtri, e collegare il router alla prima delle prese telefoniche di casa, che in genere è quella più vicina alla porta di ingresso.
Se con questa configurazione i problemi non si manifestano, è molto probabile che il problema sia causato da uno degli apparecchi connessi al nostro impianto telefonico: vedremo più avanti come individuare il responsabile.
Qualora invece anche con questa configurazione i problemi rimanessero sostanzialmente immutati, c’è un ultimo passaggio da fare: staccare l’alimentazione da tutti gli apparati elettronici di casa (caricabatterie, televisori, top-set-box, etc) e riprovare.
Se anche in quest’ultimo caso i problemi rimangono immutati, la causa è quasi sicuramente esterna al vostro appartamento e, comunque, diventa necessario l’intervento diretto del gestore per risolverlo.

Se una delle due prove di distacco ha prodotto effetti, l’origine del problema è invece all’interno della nostra abitazione.

Per quanto possa apparentemente sorprendere, non è affatto raro che la causa possa essere in un dispositivo elettronico non connesso alla rete telefonica. Gli alimentatori degli apparati elettronici moderni usano una tecnologia, detta switching e di cui ho già parlato altre volte, che potenzialmente può produrre disturbi radio molto intensi, proprio nello spettro di frequenze utilizzate dall’Adsl per il trasferimento dei dati. In alcuni casi questi disturbi possono andare ad interferire con il segnale adsl, aumentano il livello di rumore ed erodendo il margine SNR, creando instabilità che possono essere molto forti.
Individuare il dispositivo responsabile può non essere facile, in quanto non è detto che i disturbi prodotti siano costanti nel tempo. Per la caccia ci può venire però in aiuto una semplice radiolina ad onde medie

adsl5

la cui gamma spazia da 500 a 1600 kHz, il cuore delle frequenze usate dall’Adsl. Durante il giorno le frequenze in onda media (AM, non FM) sono pressoché vuote, ed è semplicissimo usare una di queste radioline dal costo di pochi euro per ascoltare fischi e pernacchie generati dagli alimentatori e dai sistemi elettronici, avvicinandoci ad essi ed usando la manopola di sintonia per individuarli nello spettro radio.
Se sono di debole entità, nessun problema, ma se sono forti e facilmente rilevabili nell’intero appartamento è probabile che possano costituire un problema. Per verificarlo è sufficiente staccare l’alimentatore dalla spina e vedere se questo ha effetto sulla nostra connessione.

Se il problema è stato risolto staccando i dispositivi telefonici basta invece ricollegarli uno alla volta, verificando l’effetto che ogni collegamento produce sulla connessione. In questi casi il problema è quasi sempre individuabile in un filtro difettoso, per cui basta rimpiazzarlo con uno nuovo. Ci sono situazioni particolari, però, in cui il problema può dipendere dal cablaggio interno, una presa telefonica difettosa o una perdita di isolamento, che può richiedere l’intervento di un tecnico specializzato.

Se non riuscite ad individuare una causa interna, è necessario aprire una segnalazione con il fornitore del servizio ed incrociare le dita. Non è per nulla raro, infatti, l’andare a sbattere conto un muro di gomma, e di ritrovarsi a parlare con operatori che fanno di tutto pur di evitare di interessare della questione i tecnici di rete. Così come non è raro che, facendosi forti di una presunta superiorità sotto il profilo tecnico, arrivino addirittura a negare l’esistenza di un disservizio in caso di ‘semplici’ instabilità.

Condividi:

L'autore

Consulente Informatico, blogger, problem solver, radioamatore. Ho iniziato la mia attività nel 1977 sviluppando sistemi di calcolo nell'area energie alternative e rinnovabili e da allora mi sono sempre interressato delle frontiere della tecnologia. Nel 1984 sono stato fra i pionieri delle BBS, i primi servizi telematici pubblici, e l'anno successivo ho portato in Italia Fidonet, la prima rete pubblica mondiale, che ho coordinato sino al 1994. Sono attivamente su Internet agli inizi degli anni 90, Nel 1998 sono stato fra i primi a credere nella convergenza digitale, arricchendo internet con materiale multimediale, come audio e video, anni prima del Web 2.0. Continuo da sempre ad occuparmi di informatica e di tecnologia con un occhio attento al futuro che ci attende. Continuo a lavorare come consulente informatico, con una specifica competenza in sicurezza, reti di comunicazione, sistemi operativi e tecnologie di virtualizzazione.

31 commenti

  1. Ciao Giorgio

    ho letto il tuo articolo davvero molto interessante. Io ho uno strano problema: a casa ho sempre tenuto attaccato il router ADSL in cameretta ma ora per problemi pratici ho dovuto collegarlo alla presa della sala sempre tramite filtro adsl. Ebbene…in cameretta funziona benissimo mentre in sala si scollega, va lenta ecc..
    Vorrei chiedere quindi l’intervento di un tecnico specializzato ma visto che chiedere a Tiscali non se ne viene fuori, potresti spiegare meglio cosa intendi per tecnico specializzato? A che tipo di società dovrei rivolgermi?

    grazie
    Marco

    • Giorgio Rutigliano il

      Giusto per chiarezza, i filtri vanno applicati a tutti i dispositivi (telefoni, fax, centralini, suonerie aggiuntive, segreterie telefoniche, antifurti) connessi alle prese del telefono di casa. Al router va messo solo se è collegato alla stessa presa di un telefono. Se è questa la configurazione è probabile che ci sia qualche problema nell’impianto telefonico di casa: un bravo elettricista è la figura più adatta ad individuare e risolvere eventuali problemi. Comunque prima di qualsiasi cosa, è conveniente provare a staccare tutto ciò che è attaccato alla rete telefonica e ricollegare il solo router (direttamente e senza filtri): se il problema persiste c’è qualcosa che non va nell’impianto, altrimenti la causa è in uno dei dispositivi collegati.

  2. Buongiorno. Io ho una infostrada fibra 50 d 10 u fin qui Tt bene. L unico problema é che ho una perdita pacchetti del 100% e l ISP non risulta guarda un po. Nn so come risolvere..a me serve per fare streaming. Dell down load nn mi interessa proprio. Se qualcuno riuscisse ad aiutarmi a sbrogliare sto intrecci di scarica barile alla quale mi stanno sottoponendo. Gli sarei grato

    • Giorgio Rutigliano il

      Una perdita del 100% dei pacchetti significa che la connessione non funziona. Se accade verso tutti i siti o la connessione non funziona del tutto (per problemi della linea o del router) o c’è un errore di configurazione che ne impedisce il corretto funzionamento. Bisogna quindi controllare (presumo che si tratti di una rete ipv4) l’ip della macchina, la netmask, l’ip del gateway e quelli del DNS per escludere errori. Se al PC è abilitata la configurazione automatica varrebbe la pena di provare ad inserire i valori manualmente, per escludere problemi al DHCP. Se invece la perdita è verso qualche sito in particolare il problema è probabile che sia esterno, e per diagnosticarlo si può usare il comando traceroute e vedere in quale punto della catena il dato viene ‘smarrito’. Potrebbe però anche dipendere dal fatto che sia impostata una rotta statica errata.
      In queste prove conviene sempre escludere altre apparecchiature, collegando direttamente il PC al router con un cavo diretto.

  3. Salve ho letto il suo articolo molto interessante…
    Volevo Sapere un problema ho una 20 mega della Infostrada ma me ne arrivano costantemente solo 6
    Ho un valore snr 60-108
    Ho un valore di attenuazione 430-249
    Premetto ho ancora i filtri della telecom quelli gialli per capirci
    Il cavo del telefono che va al modem cambiato 2 settimane fa+
    Il modem ha 5 anni ma support fino ai 24 mbps ho provato con un modem del asus pagato 90 euro
    Ma il problema sussiste ancora quindi escluderei il modem

    • Giorgio Rutigliano il

      Con 43 decibel di attenuazione è normale che la velocità si attesti intorno ai 6/7 Mbps. Probabilmente dipende dal fatto che la sua installazione è lontana dalla centrale (43dB equivalgono a circa 3km di distanza). Per migliorare può solo passare alla VDSL (la ‘fibra’, come è commercialmente definita) se fosse disponibile nella sua area.

  4. Ciao, ho letto il tuo articolo ed è molto interessante.. Avrei da chiederti delle informazioni.. Io ho un abbonamento adsl con Vodafone.. Ho quindi la vodafone station 2 che non mi restituisce i valori che hai riportato tu nell’articolo. Tuttavia ho sempre problemi, infatti, ricevo al massimo 2,5 mega, molto molto raramente i 5 mega e spesso la linea scende sotto un mega. Ho fatto svariate segnalazioni, finendo ogni volta con il dirmi che il tecnico ha definito la rete non migliorabile e di conseguenza per tipo 6 mesi non mi permettono di aprire ulteriori segnalazioni per interventi tecnici… Oggi ho richiamato chiedendo l’upgrade alla 20 mega (perchè so che è disponibile nel mio comune) ma l’operatrice mi ha detto che non è attivabile perchè la linea è troppo instabile.. Attivando la 20 mega non dovrei navigare ad una velocità maggiore? Sapresti darmi qualche consiglio? Ho verificato gli apparecchi elettronici ma non cambia nulla.. Anche perchè non ne ho di particolari.. Solo 3 tv e 2 decoder esterni.. Ti ringrazio mille in anticipo!

    • Giorgio Rutigliano il

      Se la linea non è adeguata, passare ad ADSL2 non porta benefici, il problema casomai è capire se il problema è logico – dovuto ad un sovraccarico delle richieste di traffico in relazione alla disponibilità di banda – o se è fisico – dipende quindi dalla distanza fisica dalla centrale o dalla qualità del doppino. Nella seconda situazione il problema sarebbe tecnicamente risolvibile, se non fosse che la ‘guerra dei prezzi’ ha avuto come riflesso lo scadimento dei servizi di assistenza tecnica. Mentre prima una coppia guasta si diagnosticava e si riparava, oggi non è raro che il problema, quando si affronta, venga risolto dal marketing, proponendo uno sconto al cliente.
      L’unica alternativa praticabile è il passaggio alla VDSL (la cosiddetta ‘fibra’), se la tua zona fosse coperta dal servizio. Abbreviando drasticamente il tratto in rame, infatti, consente di evitare i problemi di lunghe tratte di cavo multicoppia, spesso ‘vecchio’ e non adeguato al traffico dati.

  5. Ciao Giorgio, sto impazzendo a casa con la linea ADSL, internet non va sia wifi che con il cavo ( telecom ) il modem lampeggia ma da telecom hanno inviato diversi tecnici , l adsl e’ apposto secondo loro… il problema e’ che internet ritorno non appena ricevo una chiamata al telefono fisso di casa , torna x alcuni minuti poi riscompare, inoltre la chiamata presenta fruscii in sottofondo… cosa puo essere ? sto uscendo fuori di testa, ho gia cambiato filtro : (

    • Giorgio Rutigliano il

      Il forte fruscio può dipendere da vari fattori. Il più probabile è che la causa sia nel filtro adsl. Prova a fare una telefonata con il router ADSL spento, se il fruscio scompare è perchè il filtro (che va applicato ad ognuno dei telefoni) è difettoso o collegato male: sostituendolo con uno efficiente è probabile che risolvi il problema. Se invece a modem spento il fruscio è presente lo stesso, il problema è sulla linea, e l’intervento deve essere fatto dalla compagnia telefonica.

  6. Buonasera ho un difetto strano : con la adsl navigo a 14 mega ;pero il pomeriggio cala a 0,98 max 2,00 mega sia con cavo lan che in wifi . interrogando iol modem mi da 14 mega fissi .
    ho cambiato i filtri a ogni ingresso telefonico e provato a navigare senza filtro ma la situazione non cambia.
    Mi aiuteresti perfavore …….Grazie

    • Giorgio Rutigliano il

      Se il modem è allineato stabilmente a 14 Mbps il problema non è della connessione, ma del provider. La velocità finale di una connessione dati, di qualunque tipo, dipende dall’ “anello debole” della catena. In questo caso non è la linea ADSL, ma quello che c’è dietro. Quello che posso suggerirti è di fare un test con il software nemesys che puoi scaricare da https://www.misurainternet.it/, e di sottoporre la questione al provider.

  7. Buonasera volevo avere informazioni sulla mia adsl fino a qualche mese fa sino a prima dell’estate avevo l’adsl 8 mega perchè 10 non li ho mai raggiunti
    il max di banda che aggancia il mio modem è 7 (sembra che ho l’adsl a 7 mega) invece il profilo dalla centrale è a 8
    dove si perde tutto questo segnale alla casa mia i filitri modem credo sia tutto apposto forse 😉
    centralina forse ho chiamato dicono è tutto apposto alla centrale 🙁
    si perde 1.4/1.5/1.6 mega dalla centrale a casa mia da 8 a 6.5
    perchè non capisco se è problema mio della casa mia o fuori di tutta questa dispersione di banda sembra che ci sia un degrado sulla linea
    se il mio modem arriva come max banda 8 e qualcosa come era prima dell’estate all’incirca come velocità adsl arriva 7/7.5 invece il mio modem vede solo 7 è naturale arrivi 6.0/6.5 perchè qualcosa si perde naturale dalla centrale a qua già 6.6 / 6.7 è al limite max perchè è quasi tutto il max della banda
    invece c’è stato un abbassamento o dispersione di banda di 1/1,5 mega prima dell’estate non lo so per quale motivo e senza alcun disconnessione collegato per 10/15 ore consecutivi quasi tutti i giorni
    perchè non ho capito il motivo ok grazie mille arrivederci 😉

    questi sono i miei valori:

    Upstream max rate (kbit/s) 953
    Downstream max rate (kbit/s) 7080/7100
    Upstream line rate (kbit/s) 957
    Downstream line rate (kbit/s) 6399/6499
    Line standard ADSL2+
    Channel type
    Fast
    Upstream SNR (dB) 9.3
    Downstream SNR (dB) 9.1/9.2/9.3/9.4
    Upstream line attenuation (dB) 22.9
    Downstream line attenuation (dB) 34.8
    Upstream output power (dBmV) 12.2
    Downstream output power (dBmV) 19.2

  8. Le descrivo il mio problema che è davvero diventato un rompicapo:
    La mia connessione in condizioni normali presenta ottimi parametri (attenuazione molto bassa e SNR nella norma) ma in alcuni momenti l SNR impazzisce andando addirittura in negativo (i valori normali sono sui 20db sia in up che in down con una portante di 15 mega), causando rumore nel telefono e ovviamente molteplici cadute all’ADSL. Ho notato che ciò avviene più o meno sempre nelle solite fasce orarie (12.30-14.00 e 20.00-23.00) con frequenze e gravità differenti. I tecnici sono intervenuti varie volte senza risultato, ultimamente sono riuscito a farmi cambiare il doppino (che invero era danneggiato) ma ciò non ha risolto i disturbi. Appena alzo il telefono l SNR va a picco, come se il segnale non fosse ben separato, ma nonostante abbia cambiato filtro non si è risolto nulla. Colgo l’occasione per farle i complimenti per l’ottima guida

    • Giorgio Rutigliano il

      Se il segnale è buono a telefono ‘chiuso’ e cade a telefono ‘aperto’ (sente anche rumore?), il problema sembra proprio essere di inadeguata separazione, che potrebbe però anche dipendere da un problema di cablaggio. Comunque il dilemma sul filtro lo può risolvere semplicemente: faccia una prova con il suo a casa di qualche amico.

  9. Buongiorno. Nei mesi addietro, di rado mi capitava che la connessione telecom solitamente stabile a 13mbit, degradasse fino a dimezzarsi e a volte a non essere affatto presente (ping di 2500/3000 ms). Il giorno dopo magari riprendeva a funzionare perfettamente fino a quando a distanza di uno due mesi non si ripresentava il problema. Da Alcuni giorni, peró, la connessione è quasi sempre assente: dopo 4 telefonate al 187 – una delle quali ha prodotto l’invio in centrale del tecnico – nonostante le rassicurazioni che non c’era nessun inconveniente, l’adsl continua a mancare. Inizio a pensare che il mio modem netgear d6200 che ha funzionato per 3 anni abbia qualche problema. A questo punto appena rientrerò a casa lo resetterò alle impostazioni iniziali e dopo averlo riconfigurato vedrò come andrà. Poi proverò un altro modem al fine di capire se è un problema del modem oppure no.

  10. roberto moretti il

    ho un esercizio commerciale con un’unica linea telefonica a cui è attaccata una piattaforma di servizi con un apparecchio telefonico, una stampante mutifunzione con fax e tablet . Alla linea ADSL sono collegati oltre alla Multifunzione con cavo ethernet e i due tablet anche due telefoni cellulari smartphone . Molte le disconnessioni sia di giorni, sia di notte. Dopo tanti tentativi e sostituzioni di modem, di filtro, di apparecchi telefonici, di cavetti e di scheda FAX della multifunzione si è scoperto che togliendo il cavo telefonico dalla fotocopiatrice multifunzione FAX le disconnessioni si riducono di molto. Se si toglie dalla multifunzione oltre al cavetto della linea ,anche il cavo ethernet collegato al MODEM le disconnessioni spariscono. Alcuni tecnici dicono che per avere la garanzia del corretto funzionamento della linea Fax serve una linea analogica dedicata alla multifunzione FAX. Con una sola linea vi possono essere interferenze sul modem da parte della multifunzione FAX tali da provocarne la disconnessione. Va precisato che durante le disconnessioni non va internet, ma funziona regolarmente la linea telefonica che rimane libera e si può telefonare e ricevere telefonate. La linea telefonica controllata più volte da TIM non presenta anomalie, nè all’interno, nè all’esterno dell’esercizio commerciale .così non presentano anomalie il modem ed il filtro
    Ringrazio quanti mi aiuteranno a capire. Roberto

    • Giorgio Rutigliano il

      Bisognerebbe avere lo schema di cablaggio per inquadrare meglio la situazione. Con un cablaggio correttamente realizzato, e con apparati regolarmente funzionati, non c’è alcun problema a collegare ed utilizzare tutti i dispositivi che mi ha elencato. In effetti il fax del multifunzione si comporta dal punto di vista elettrico come un normale telefono, usa la stessa banda audio, e se è collegato come dovrebbe a valle del filtro, per il router è come se non esistesse. E’ però alquanto strano che le disconnessioni siano influenzate anche dalla presenza di una connessione ethernet: che dispositivo è collegato sulla porta ethernet, ed il cavo usato è marcato almento CAT5?

  11. Buonasera, da circa 1 anno mi ritrovo un problema alla linea adsl, in passato avevo la linea a 4 mega e non notavo problemi, un giorno si blocca del tutto la adsl (non trovava mai la linea e il router lampeggiava sempre), chiamai la compagnia e mi fece un reset e da allora divenne 20 mega ma con continui problemi. Esattamente in modo casuale (non tutti i giorni) sento fruscio al telefono (con i filtri nuovi), snr scende fino a 0.01 da solo anche a cornetta chiusa, la linea cade immediamente appena si alza la cornetta con migliaia di errori crc e costringendomi a spegnere e riaccendere il router decine di volte al giorno per ritrovare la linea adsl in quanto da solo non si riconnette e rimane bloccato con snr a 0.01. E’ venuto a casa un tecnico delle linee telefoniche, dopo 2 ore di prove non ha capito il problema e non mi ha saputo dire da cosa dipende (ha provato anche a togliere filtri, ha provato il suo modem, ha usato solo la spina principale, ha smontato le spine telefoniche, il problema c’era sempre alla fine mi disse che lui non poteva aiutarmi. Ora mi ritrovo con una linea con alcuni giorni con fruscio al telefono, caduta di linea appena si alza la cornetta, e discesa dell’snr anche a cornetta chiusa, snr durante la giornata sale e scende da 0.01 a 6.2, ma solitamente una volta sceso non ritorna piu a 6.2. Il tecnico mi ha controllato le spine e mi ha assicurato che non ci sono fusibili, sono tutte in parallelo ed ha provato diversi filtri. Dopo numerose ricerche su internet si sospetta che ci sia un guasto allo splitter nella cabina o un problema di diafonia (interferenza) ma purtroppo non i tecnici mi credono e il problema è che il difetto non si manifesta tutti i giorni dunque non so proprio come poter risolvere. A vostro parere il problema da cosa puo dipendere ? l’impianto telefonico è vecchio, avra oltre 20 anni pero quando avevo la linea a 4 mega non notavo questi problemi. Grazie, saluti

    • Giorgio Rutigliano il

      Difficile fare una diagnosi, anche se determinati comportamenti sembrerebbero indicare che il problema sia nell’impianto domestico. Io suggerirei di provare a disconnettere del tutto l’impianto domestico, collegando il solo router direttamente al doppino che arriva dalla cabina telefonica. Se con questo layout il problema persiste, la causa è esterna e va risolta dal suo gestore. Se sparisce, il problema andrebbe ricercato all’interno.

  12. Ciao, grazie della risposta, il vero ostacolo in questa situazione è che ho la linea voce con una compagnia (la piu grande in italia) e la linea adsl con un’altra compagnia e ognuno di loro ovviamente fa a scarica barile. Ricordo che in passato questo problema non c’era, solo dopo che mi hanno portato la linea a 20 mega è apparso (non so se è una coincidenza) snr arriva fisso a 6.2 e aggancia la 14 mega (20 mega teorici) ma in alcuni giorni appaiono molti errori crc e continue cadute di linea. E’ venuto a casa un tecnico delle linee telefoniche e ha fatto vari controlli, compreso quello di agganciare un router suo direttamente alla presa telefonica principale avendo prima disconnesso tutto il resto e anche davanti lui cadeva la linea appena si alzava la cornetta, snr da 6.2 scende a 0.01 e cade la connessione. Il tecnico mi ha detto che non capisce da cosa dipende, ho richiesto di smontare le spine e disattivare fusibili, ho fatto disattivare anche una suoneria, ho provato 4 filtri diversi, il risultato è sempre lo stesso alcuni giorni al telefono quando accendo il modem si sente un fruscio e da li gia so che mi attende una giornata di disconnessioni. E’ capitato che per 1 intero mese il problema non si è presentato per poi ritornare in modo casuale (alcuni giorni si, altri no, qualche settimana si, qualche settimana no). Notavo che se nagivo senza alzare la cornetta snr piano piano scende da solo, e secondo alcuni pareri snr non puo scendere da solo (da 6.2 piano piano scende a 0), si sospetta che ci sia un problema nello splitter in cabina che separa le frequenze voce e dati (da qui il fruscio alla cornetta alcuni giorni) oppure un problema di diafonia (interferenza in cabina) pero purtroppo le compagnia neppure prende in condiderazione questa mia ipotesi. Ho notato che il doppino è giuntato col nastro adesivo, me lo ha fatto vedere il tecnico delle linea ma mi ha assicurato che non puo portare questo problema, a tuo parere potrebbe essere questa la causa ? se hai dei consigli li accetto, sono davvero disperato, entro breve dovro far installare una nuova linee telefonica a casa + adsl e dovro pure farmi carico dei nuovi costi + penali del vecchio gestore, ma non posso rischiare di far attivare un’altra linea adsl su questa linea telefonica e magari ritrovarmi con lo stesso problema in quanto le cabine sono sempre le stesse e se il problema sta nella cabina e non lo riparano qualunque linee passa ci sara il disturbo. Impianto è vecchio, avro 30 anni, dunque non so se puo essere questo il problema dunque sono orientato dal farmi installare una nuova linea telefonica solo per far passare il segnale adsl e sperare che non ci saranno questi problemi. Su internet ci sono tanti cas simili e raramente vengono risolti, purtroppo è tra i difetti piu difficili da risolvere e puntualmente le compagnia telefoniche danno la colpa al router, filtri, cavi. Il tecnico ha collegato il suo router direttamente al doppino (da li mi ha mostrato che è giuntato) e aveva un snr di 10, pero non ha collegato ne filtro e ne telefono, io personalmente non so collegare il doppino al router, in ogni caso a me in casa il segnale snr arriva a 6.2. Se puoi darmi un consiglio per collegare il doppino direttamente al router potrei provare a capire se il problema è nel mio impianto di casa, anche se dovrei anche verificare collegando un telefono e vedendo se quando si alza la cornetta la portante cade. Se ti vengono idee dimmi pure, è 1 anno che impazzisco con questo problema e oramai ho quasi perso le speranze e sto iniziando ad informarmi per installare una nuova linea telefonica per far passare un nuovo segnale adsl, grazie, a presto

    • Giorgio Rutigliano il

      Mi sembra di capire, quindi, che la qualità del segnale al punto di consegna sia buono, e che quindi il problema possa effettivamente dipendere dall’impianto interno. Se è così una soluzione può essere quella di fare installare uno ‘splitter’ in qual punto – bypassando anche la giunzione con nastro adesivo – e collegare il router allo splitter o direttamente nel punto, o con una linea dedicata. Con questa configurazione, anche un corto circuito sulla rete interna non produce effetti sulla qualità del segnale adsl, così come non serve installare filtri ulteriori sui singoli apparecchi telefonici.

  13. salve, ho un problema con la connessione adsl telecom: per connettermi devo staccare la presa del telefono che sta collegata al filtro adsl, praticamente devo staccare il telefono… questo non accadde sempre, delle volte rimane connesso anche con il telefono collegato e quando capita di usarlo si sente un fruscio molto fastidioso. Grazie per l’attenzione

  14. Salve, mi trovo in una situazione “anomala” con la mia ADSL.
    Mi spiego, ho un contratto Telecom 20mega e con il mio vecchio modem router Asus DSL-N55U arrivo in download a circa 14-15 mega (e sono a 200 metri dalla centrale).
    Vorrei sostituire il modem con uno più performante di più recente costruzione, ho provato con un Netgear D7800 prima e un AVM Fritz box 7490 dopo ma dopo ogni cambio e relativa autoconfigurazione la velocità di download non va oltre gli 8-9 mega. Se ricollego il vecchio Asus, ritorna a 15mega.
    Ho contattato entrambe le assistenze tecniche ma dopo mille tentativi si sono arresi anche loro!
    Ora mi trovo, da una parte Telecom che dice che la linea è OK e dall’altra i tecnici dei modem/router che non capiscono cosa fare.
    Chiedo aiuto a lei se ha idea di come posso uscire da questa situazione di stallo.
    Grazie

    • Giorgio Rutigliano il

      Andrebbe approfondita la situazione per isolare l’origine del problema, che è difficile dipenda dalle ‘prestazioni’ del router, mentre è più probabile che dipenda dal resto dell’impianto. Comunque se segue sia le linee guida del post, che i commenti precedenti, dovrebbe avere un po’ di elementi per potere isolare l’origine del problema

  15. Ciao Giorgio
    Sono anch’io radioamatore e dopo aver installato la line fibra sono iniziati i miei guai,
    Prima con tim e poi con vodafone. Stesso problema : la radiolina in onde medie segnala un forte fruscio
    vicino alla linea del doppino telefonico. Ho solo il modem inserito e nel campo onde corte (80.40.20 mt)
    il rumore di fondo tra modem attaccato alla linea e staccato aumenta di piu di 10db. Inserendo dei chocke nella lina qualcosa cambia ma poco pero pure la velocita si riduce.
    Ho una liea esterna di una quarantina di metri prima del box tim di fibra e vicino a questo box nessun disturbo. Nelle canali della grondaia in rame della casa invece un bel noise si sente. Pare che la linea che da casa mia va verso il box fibra sia una bella antenna che la mia filare raccoglie bene. Non ho sentito i gestori perchè credo siano un bel muro di gomma e non posso ritornare ad adsl normale in quanto mio genero la usa anche per lavoro e gli serve la velocità. Bel guaio hai qualce idea ? grazie 73 i1abt

    • Giorgio Rutigliano il

      Mi sembra di capire che il problema siano le interferenze generate della linea, ed in effetti la banda occupata dalle portanti VDSL2 (256 bande da 4.3kHz) si estende sino a 12 MHz, trascurando le armoniche. In queste condizioni assume un ruolo determinante la qualità del doppino telefonico: fattori come giunzioni ed anomalie del passo di torsione da una parte fanno decadere il livello del segnale utile, dall’altra generano irradiazione. Il choke taglia il segnale, ed ovviamente non è la soluzione al problema. Se il problema è interno alla tua proprietà, ti suggerirei di provare a sostituire il doppino con uno più moderno, al limite usando un cavo schermato come l’FTP o il TFTP. Se il problema, invece, è esterno può risolverlo solo telecom, e la normativa attuale dovrebbe essere dalla tua parte. Nel caso varrebbe la pena fare un passaggio con l’escopost. Ci sarebbe un’altra alternativa: quella di passare dalla FTTC alla FTTH, nel qual caso il tratto finale sarebbe in fibra. Ovviamente, pero, andrebbero valutati i costi.
      73, Giorgio I8ZSE

Lascia un commento