EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Windows 10 Sensore WiFi

0

Nell’attesa del rilascio ufficiale di Windows 10, in questi giorni si sta discutendo molto di una delle nuove caratteristiche del sistema operativo: Sensore WiFi (WiFi Sense, in inglese). Cosa sia e come funzioni è presto detto. E’ un meccanismo che permette l’accesso automatico agli hotspot pubblici nel mondo, ma che allo stesso tempo consente anche di dare facilmente accesso alle reti WiFi memorizzate nel proprio dispositivo ai propri gruppi di amici contenuti nei contatti e nei social network. Se questa funzione è attiva le credenziali di accesso alle reti wireless vengono condivise – attraverso un canale protetto – con un archivio centralizzato in casa Microsoft, che può essere utilizzato in modo trasparente dai dispositivi dei propri amici durante la fase di negoziazione della connessione.

E’ una funzione che è stata interpretata come una debolezza, o una vulnerabilità, del sistema.
E’ così?
Innanzitutto è bene sapere che non è una cosa nuova: è già presente su Windows Phone 8.1, ed è quindi in uso da oltre un anno. Se l’installato di  Windows Phone è sicuramente percentualmente molto modesto rispetto alla controparte PC, è un fatto che sino ad oggi non ci sono segnalazioni di grandi problematiche derivanti dalla sua attivazione.
Inoltre Sensore WiFi può essere usato solo per condividere l’accesso ad internet: non è possibile né visualizzare i parametri di accesso alla rete, né accedere a computer, dispositivi o stampanti presenti nella rete locale, prevenendo in questo modo la possibilità di ingresso di virus o malware.
Microsoft ha comunque reso disponibile una pagina contenente le FAQ sull’argomento, che possono chiarire molti dubbi al riguardo.

Dato che è una funzionalità aggiuntiva, e certo non obbligatoria, a me non pare una debolezza, ma invece una opportunità che può risultare utile ad una fascia ampia di utilizzatori. Non dimentichiamo che esistono iniziative analoghe, come la rete eduroam, nata per consentire la interoperabilità nei campus universitari aderenti, proprio perché si tratta di una esigenza sentita in molti ambiti di attività.

L’importante è conoscerne l’esistenza, comprendere le sue funzioni e decidere se attivarla – scegliendo, eventualmente, con chi – oppure se disattivarla e dimenticarne l’esistenza.

win10privacy

Windows 10, comunque, segna un notevole progresso dal punto di vista della gestione della privacy rispetto al passato. Seguendo l’esempio tracciato da altri sistemi operativi, nel pannello di controllo l’omonima voce consente di gestire da un unico punto, e con grande dettaglio, una serie di opzioni che vanno ad impattare su questo, importantissimo, aspetto.

Condividi:

L'autore

Consulente Informatico, blogger, problem solver, radioamatore. Ho iniziato la mia attività nel 1977 sviluppando sistemi di calcolo nell'area energie alternative e rinnovabili e da allora mi sono sempre interressato delle frontiere della tecnologia. Nel 1984 sono stato fra i pionieri delle BBS, i primi servizi telematici pubblici, e l'anno successivo ho portato in Italia Fidonet, la prima rete pubblica mondiale, che ho coordinato sino al 1994. Sono attivamente su Internet agli inizi degli anni 90, Nel 1998 sono stato fra i primi a credere nella convergenza digitale, arricchendo internet con materiale multimediale, come audio e video, anni prima del Web 2.0. Continuo da sempre ad occuparmi di informatica e di tecnologia con un occhio attento al futuro che ci attende. Continuo a lavorare come consulente informatico, con una specifica competenza in sicurezza, reti di comunicazione, sistemi operativi e tecnologie di virtualizzazione.

Lascia un commento